Scroll down
Cinema Teatro Blenio

Una porta aperta 180 giorni l'anno, per una proposta diversa

Gli inizi

Costruito nel 1956 su progetto dell’Arch. Giampiero Mina dalla Fondazione Opera Auxilium Juventuti di Corzoneso e inaugurato nell’aprile 1957, fu in origine notato soprattutto per le sue caratteristiche architettoniche, che ricordano lo stile nordico. Un’infrastruttura che si sarebbe poi rivelata particolarmente adatta a rappresentazioni teatrali e cinematografiche, apprezzata anche per la sua acustica. Agli inizi la sala era molto frequentata. Rispondeva alle esigenze del tempo e non doveva fare i conti con la concorrenza della televisione. Nell’alta valle erano in corso i lavori per la costruzione della diga del Luzzone con molti operai per i quali il cinema costituiva un’importante occasione di svago. Dopo una decina d’anni però gli spettatori cominciarono a scarseggiare e in seguito la sala rimase chiusa per diverso tempo.

La rinascita

Nel 1968 la struttura fu acquistata dall’Unione Apostolica Bleniese che la riaprì. Durante i primi anni la gestione fu assunta da Giorgio Oliva, don Renzo Tettamanti e altri volontari. In seguito, a metà degli anni Settanta fu presa in mano da Don Emilio Pozzoni, parroco di Leontica, coadiuvato da Cirillo Beretta e da altri volontari che diedero impulso alle potenzialità della sala e alla sua polivalenza a beneficio della popolazione di tutta la valle. Furono investite importanti somme a tale scopo, con interventi mirati soprattutto al miglioramento della situazione generale dello stabile. Oltre all'attività cinematografica, riprese vita anche la Filodrammatica Blenio che, in alternanza con il repertorio "classico", portò in scena i primi lavori in dialetto di Cirillo Beretta. La gestione della sala riscontrava annualmente dei passivi, che furono coperti per alcune stagioni dall'Unione Apostolica stessa. Fu a questo momento che intervennero in aiuto - con un contributo pro capite di Fr 1,50 - i comuni della valle. Fu così possibile coprire i disavanzi di gestione e continuare l'attività per qualche anno.